Direzione Artistica

Il Teatro e l'Arte sono un nemico dell'ottusità, e gli artisti non sono i servi di nessuna ideologia

Michele MonettaRegista, attore e insegnante di mimo corporeo (tecnica Decroux), maschera e commedia dell'arte, specializzato in pedagogia teatrale.

Allievo del M° Etienne Decroux

Docente di maschera e mimo corporeo all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, Roma. Insegna recitazione e commedia dell’arte all’École-Atelier Rudra del coreografo Maurice Béjart, Lausanna, Svizzera.
Docente di educazione al movimento drammatico alla Scuola di Teatro del Teatro Nazionale di Napoli.

Leggi tutto

Perla Barroca3.1Attrice e insegnante di mimo corporeo (tecniche Decroux e Flach), del Metodo Feldenkrais, specializzata in pedagogia teatrale.

Allieva di Marise Flach, Monika Pagneux e Vera Bertinetti.

Collabora come insegnante di Metodo Feldenkrais, mimo corporeo e pedagogia teatrale nei corsi di perfezionamento all’Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma e ha tenuto laboratori all’International Dance & Movement Center di Budapest.
Docente di educazione del corpo e della voce, Metodo Feldenkrais alla Scuola di Teatro del Teatro Nazionale di Napoli.

Leggi tutto

I NOSTRI OBIETTIVI

1.

Studiare il fondamento antropologico della comunicazione teatrale, verbale e non-verbale e dei linguaggi del corpo, in relazione cioè con le specifiche caratteristiche storico-ambientali e culturali delle aree regionali, nazionali ed europee. Riscoprire i linguaggi corporei della comunicazione sia sul piano del comportamento culturale legato alle tradizioni, sia sul piano della massima formalizzazione tecnica ed artistica in ambiti espressivi di varia natura.

2.

Ripensare e riprogettare il linguaggio del corpo e del teatro visuale e musicale in rapporto alla rivoluzione che i moderni mezzi di comunicazione di massa hanno prodotto nei nuovi sistemi di relazione tra persone: tempi e distanze accorciati o annullati; realtà distanti messe in relazione in tempo reale; l’uso di accorgimenti e filtri tecnologici (informatica e telematica); relazione e configurazione tra realtà reale e realtà virtuale. Si propone una riflessione ed uno studio sui sistemi di comunicazione attraverso i sensi delle civiltà e delle culture antiche in rapporto alla crescente comunicazione a distanza.

3.

Maturare una serie di conoscenze teorico-scientifiche da esperienze di interferenza tra linguaggio corporeo e comunicazione non verbale, gesto e psicologia della scrittura, linguaggi artistici formalizzati nel campo della musica, del teatro musicale, del mimo, della danza, della prosa, delle produzioni discografiche ed audiovisive, dello sviluppo dello spazio scenico e del costume come elementi di dialogo dinamico-spaziali fra natura ed artificio.